CONFEDERAZIONE NAZIONALE MISERICORDIE D'ITALIA - FRATERNITA DI MISERICORDIA MILANO ONLUS - "Accanto a chi non conta"

VOLONTARIO IN AMBULANZA

Cosa vuol dire "volontario di ambulanza"?

Fare il volontario in ambulanza vuol dire prestare servizio a bordo delle ambulanze in qualità di soccorritore, capo servizio o autista.

SOCCORRITORE: per diventare soccorritore è necessario frequentare il corso previsto e sostenere il relativo esame finale con esito favorevole. Il corso è organizzato una volta all'anno, con inizio a settembre/ottobre; sono previste lezioni teoriche (infrasettimanali), esercitazioni pratiche (alcune domeniche) e l'attività di tirocinio in servizio in ambulanza.

CAPO EQUIPAGGIO: per diventare capo equipaggio, ossia avere la responsabilità della attività della ambulanza durante il servizio, occorre essere soccorritore da almeno un anno. E' previsto un corso di approfondimento su tematiche sanitarie e un'attività (con tutor) in servizio della durata massima di 12 mesi, periodo entro il quale il referente dei capi equipaggio organizza l'esame finale.

AUTISTA: per diventare autista di ambulanza occorre essere soccorritore da almeno un anno, avere 21 anni di età, avere la patente B da almeno due anni. E' previsto un corso di approfondimento su tematiche di guida in sicurezza e di manutenzione minimale dei mezzi, nonché la guida (con tutor) in servizio per un massimodi 12 mesi, periodo entro il quale il referente degli autisti organizza l'esame finale.

Che turni posso svolgere?

La turnistica attualmente in vigore prevede l'inserimento dei volontari in 7 Squadre Operative:
1 squadra notturna infrasettimanale, 2 notturne su venerdì alterni (la squadra Sole e la squadra Luna), 1 notturna al sabato (la squadra Fiori), 2 diurne su sabati alterni (la squadra Cuori e la squadra Quadri) e 1 diurna alla domenica (la squadra Picche).

  • Le Squadre Operative notturne sono probabilmente la scelta più pesante per lo sforzo richiesto, ma entusiasmante in termini di soddisfazione. Ci sono volontari di ogni professione e di ogni età: studenti, professionisti, impiegati, pensionati...
  • I turni delle squadre notturne sono dalle 21.00 alle 5.00 della mattina successiva (quando segue un giorno feriale) e dalle 21.00 alle 9.00 (quando segue un giorno festivo).
  • Per le squadre diurne nei festivi il turno è dalle 9.00 alle 21.00. Nei giorni feriali i turni dalle 5.00 alle 13.00 e dalle 13.00 alle 21.00 sono coperti per lo più dai dipendenti.

Quali sono i documenti da portare per fare il volontario?

  • Un documento di identità valido;
  • tre fotografie formato tessera ed una formato jpg;
  • il modulo interno di iscrizione alla Misericordia Milano;
  • il modulo interno di autocertificazione dei carichi pendenti e del casellario giudiziale;
  • il modulo interno di dichiarazione di gratuità del servizio prestato;
  • il modulo interno di autorizzazione al trattamento dei dati personali.

La Misericordia Milano si riserva di eseguire controlli a campione sulla veridicità dei dati autocertificati.

Qual è il percorso formativo?

Nelle more della definizione a livello nazionale della figura del "Soccorritore di ambulanza", ogni Regione ha predisposto dei requisiti cui le Associazioni che si occupano di soccorso debbono attenersi. La Misericordia Milano, così come le altre misericordie lombarde, è stata riconosciuta come "centro di formazione" per la preparazione teorica e pratica dei propri volontari.

Il percorso formativo si articola nei seguenti passaggi:

  • incontro propedeutico
  • corso teorico ed esercitazioni pratiche
  • attività con tutor sui mezzi di soccorso
  • preparazione all'esame conclusivo
  • preparazione all'esame da centralinista
  • abilitazione per Autista di Guardia Medica

Per completare tutto l'iter formativo, sono necessari circa otto mesi.>br> Al raggiungimento delle 80 ore di lezione puoi comunque uscire in servizio di ambulanza, come quarto componente d'equipaggio, essendo un soccorritore in formazione.

Sono già volontario in un'altra associazione e voglio iniziare in Misericordia, cambia qualcosa?

Se sei un soccorritore già certificato da una delle AAT 118 lombarda, uno degli Istruttori della Misericordia Milano ti incontrerà appena possibile di persona, per valutare la tua competenza e il tuo livello di preparazione. Successivamente ti verrà proposto un iter formativo "ad personam", tanto più breve quanto maggiori saranno le capacità che dimostrerai.
Se non sei un soccorritore già certificato da una delle AAT 118 della Lombardia, l'iter formativo è quello previsto al punto precedente.

Se non sei un soccorritore già certificato da una delle AAT 118 della Lombardia, l'iter fomativo è quello previsto nel punto precedente.

Sono un medico, un infermiere, un tecnico sanitario, un operatore sanitario: cambia qualcosa?

Fare soccorso extra ospedaliero come soccorritore prevede conoscenze, competenze e abilità che altre figure sanitarie non hanno: pertanto l'iter formativo non cambia, anche se è ovvio che tanto maggiori saranno le tue competenze, tanto minore sarà lo sforzo che sosterrai per diventare un soccorritore.

E' pericoloso fare il volontario in ambulanza? Che coperture di sicurezza ho?

  • • l'attività di soccorso extraospedaliera presenta delle condizioni ambientali, tecniche, logistiche, sanitarie particolari: non sono condizioni pericolose di per sé, ma lo possono diventare se si agisce con superficialità e imprudenza. La prima condizione di sicurezza è, pertanto, la tua formazione: sarai sempre seguito in modo attento e vigile del tuo capo squadra fino a che non avrai terminato l'iter formativo e non avrai dimostrato autonomia e giudizio.
  • • La legge 266/91 (legge quadro sul volontariato) prevede che ogni Iscritto abbia una copertura assicurativa a tutela tanto degli Iscritti quanto delle terze persone; la Misericordia Milano, oltre ad assolvere questo obbligo di legge, garantisce ai propri Iscritti un’ulteriore copertura assicurativa a tutela dei danni eventualmente subiti.
  • • Tutti i volontari ricevono una divisa da utilizzarsi in servizio, rispondente ai requisiti antinfortunistici EN/473, che prevede maglietta, casacca, pantaloni e scarpe antiinfortunistiche.

"Accanto a chi non conta", per fornire servizi di soccorso sanitario (in convenzione con AREU 118 Milano), trasporti sanitari con ambulanze o centro mobile di rianimazione, servizi sociali di accompagnamento con vetture, Guardia Medica notturna e festiva (in convenzione con A.S.L. Città di Milano), formazione ed educazione sanitaria, Protezione Civile.